sabato 31 gennaio 2009

Il mio tutorial per voi.


Eccovi di seguito la realizzazione step by step del
mio mini-notes da borsetta...


...formato 9x9 cm con paginette interne ancora più piccine.
Come suggerisce l'etichetta stampata in casa sulla stoffa
(guardate qui) "piccoli fogli per grandi idee".

Mi scuso per la scarsa qualità fotografica delle immagini che seguono, ma sono scatti eseguiti con luce artificiale.

Cominciamo!


Posizionate su un ritaglio di teletta idrosolubile (questa non è in pellicola trasparente, ma biancastra tipo carta vegetale) di 40x12 cm circa un rettangolo di feltro giallino di 18x9 cm circa. Adagiate su di esso della lana secondo il vostro gusto creativo.


Ripiegate la teletta sulla vostra composizione di lana e fissate il lavoro con degli spilli.


Cominciate a cucire a macchina dapprima con una cucitura perimetrale, e poi andando a braccio libero verso l'interno del lavoro.
Io inizialmente ho usato un filo colore giallo...



...e poi ho ultimato le cuciture con un filo arancione (anche le cuciture a macchina creano motivi decorativi).


A questo punto riempite di acqua tiepida il lavandino ed immergetevi la vostra creazione. Vedrete che in pochi minuti la teletta biodegradabile si scioglierà...


...e voi non farete altro che prenderla tra le vostre mani e strizzarla.


Dopo averla fatta asciugare, decorate la vostra base di lana cucita con piccoli pom-pon di passamaneria ed altri filati preferibilmente materici.


Con il cutter, tagliate una ventina di rettangoli 15x8 cm circa di carta a mano: sovrapponeteli e cuciteli a macchina esattamente a metà. Ripiegate i fogli ed otterete così l'interno del vostro mini-notes.
Completate la vostra creazione con una perla di feltro che fungerà da bottone di chiusura.

E dopo tutta questa pappardella per qualche giorno mi disintossico dal web...
In casa mia si stanno accumulando sculture di...polvere!
Buone creazioni!

21 commenti:

  1. Ciao Elena grazie per questa meraviglia, adesso mi scateno e vado in cerca di questa miracolosa teletta. Tecnica fantastica.... grazie.... ciao e a presto e buon "spolvero"....

    RispondiElimina
  2. Grazie per la spiegazione! Veramente bello questo notes, come tutti tuoi lavori!

    RispondiElimina
  3. Anche io mi sto specializzando in sculture di polvere, con tanto di micro-polvere e riccioli di Fimo (LA FIMO), peluzzi di filati utilizzati per l'hydro-free, palline di carta, fili da cucire, peli di gatti, terra portata dai cantieri da Iggy e dai gattonzoli, capelli miei, fimo cruda spiacciccata dalle suole... Presto propongo tutorial, attente ragazze!!! Bellissimo il tuo tuto, sei un geniaccio mia cara amica!!! Besitos e buone pulizie; io torno di là a sporcare con la mia fida Dremel!!!!

    RispondiElimina
  4. Mentre voi realizzate cose così belle io sono completamente ferma e la cosa mi rattrista un pò ma ora va così...quando riprenderò sicuramente ci proverò a fare qualcosa con questa tecnica facilissima e che non ho scorte di lana a meno di rubacchiare qua e là a franca...un bacio grande
    roberta
    tutte belle le cosine che hai fatto ma che te lo dico a fare? (come dici tu!!)

    RispondiElimina
  5. ma grazie!
    non conoscevo questo magico materiale,non vedo l'ora di provare a "pastrucchiare".
    Buon riposo:-)

    RispondiElimina
  6. Lasciamo stare le ulizie vi prego!!!!La mia casa grida vendetta!!!Si anima per farsi sentire...per ora a nulla valgono i suoi richiami...Sono troppo presa a sognare davanti al pc.."Da grande anch'io sarò così brava"..ma io sono già grande..sogno infranto!!!!
    Elena sei super come il tuo ricchissimo post!!!!!!!!
    Cate

    RispondiElimina
  7. Avevo già visto il bel tutorial di fatabislacca e il tuo non è da meno. Mi avete fatto venire una gran voglia di provare!!!!
    Bellissimi sia il notes che le altre "creature"!!!!!

    RispondiElimina
  8. Ah, le sculture di polvere....sono la mia super-specialità!!!!
    Questa tecnica invece è qualcosa di strepitoso! Prima o poi dovrò andare dalla mia mamma e provare a cimentarmi con la macchina da cucire!
    Ciao Cristina

    RispondiElimina
  9. Sei una tentatrice... fra il tutor tuo e quello di Fata, non ho più scuse.... devo provarci... sono costretta a provarci... mi tocca provarci.... :-))
    ... ma poi... ti prego ti prego ti prego non toglierla proprio tutta la polvere... un piccolo segno di vita daccelo su questi schermi non lasciarci sole in balia del nulla così tanto, non lo hai capito che sono diventata "Elena-dipendente?", non resisto senza post tuoi per più giorni... Baciottoni, Beta.

    RispondiElimina
  10. Ciao Elena, sono corsa a leggere il tutorial (su consiglio della Fata)!!
    E' veramente speciale il blocchetto da borsetta... una tecnica molto simpatica e di vero effetto...
    COmplimenti!!
    Ciao
    maria rosa

    RispondiElimina
  11. Ciao Elena!

    Grazie
    questo tutorial è bellissimo e perfetto!
    ora proverò anch'io a realizzare un pò di hydrofree!
    ;)
    x

    RispondiElimina
  12. E' mio, è mio! Questo fantastico oggetto è nelle mie mani! Ti sarò per sempre riconoscente, anche per avermi fatto il tutorial, così comprendo anche meglio com'è nato questo cosino peloso e morbidissimo :)

    RispondiElimina
  13. bellissimo questo step by step!!!mi piacciono i lavori fatti con gli stabilizzatori, non li avevo pensati per lo scrap però....bellissima idea!

    RispondiElimina
  14. cara Elena, ti seguo da un po'...e devo dirti che sei BRAVA, creativa, personale, e generosa.
    l'avalon madeira lo uso, e l'ho visto usare, solo per grandi lavori...dispendiosi e costosi...ma non avevo mai pensato ad un utilizzo ... bonsai :) grazie per l'idea, e grazie per il tutorial :)

    RispondiElimina
  15. ciao, dire che son rimasta a bocca aperta è poco... il tuo mondo è così... tutto fantastico... multicolor... energico... meraviglioso... da grande voglio essere come te...

    RispondiElimina
  16. Ciao Elena, sono la sorella di Edi, la ragazza a cui hai venduto il mostrillo, quest'idea della teletta idrosolubile è davvero fantastica! in quali negozi posso trovarla? poi sarei in ricerca anche della carta scrap, ma nn so dove trovarla.ciao e buon lavoro!

    RispondiElimina
  17. Ciao, che dire di questo tutorial.....è una cosa stupenda! Ho una voglia di provarci che non ti dico. Non ho il feltro spesso, solo pannolenci. E se ne sovrappongo diversi? Provo e poi ti dico.
    Grazie. Marina

    RispondiElimina
  18. Elena sei braverrima!

    RispondiElimina
  19. Fai un sacco di cose, una più bella dell' altra!

    RispondiElimina
  20. E' da quando ho letto della teletta idrosolubile sul tuo libro che ho voglia di usarla, ma non mi sono ancora lanciata... Tu comunque ne fai meraviglie!!!!!

    RispondiElimina

Siete sempre molto gentili a venirmi a commentare, perché ora io quel tempo per farlo nei vostri blog, non ce l' ho più e me ne dispiaccio. Per cui il sapere che i vostri commenti siano disinteressati, e non mirati ad avere risposte in cambio nel proprio blog, dà ancora più valore al tempo che mi dedicate. Grazie di cuore. elenita