venerdì 24 ottobre 2014

Da che parte comincio ?

Il dono della sintesi non è mai stato il mio forte.
E questo è un bel problema perché avrei da scrivere 1000 cose, ma vorrei risparmiarvi pistolotti infiniti.
Potrei cominciare dalla tenacia e dai sogni che prendono forma.
Ma temo non mi riuscirà in poche battute.
Chi mi legge da qualche tempo, conosce la mia predilizione per 
-il pink-acceso-fucsia, 
-il gusto francese in fatto di décor,  
-la mia passione per il craft e tutto ciò che profumi di creatività.
Accade che ad aprile scorso vengo a sapere (grazie alla mitica Anna Drai) che una graaaaande catena di negozi, con diversi punti vendita in Francia, aprirà (finalmente!) il suo primo punto vendita in Italia, proprio qui a Milano (yepppaaaa !!!).
E non ultimo, il suo colore aziendale è il pink.
La catena in questione, si chiama Zodio.
E (per farvi capire il mio innamoramento a prima vista) al suo'interno oltre ai complementi di home décor pensati per ogni angolo della casa, ha tanti reparti dedicati alla creatività.
C'è l'atelier cuisine per imparare a cucinare succulente prelibatezze ...
...l'atelier creativo coi laboratori, i corsi e le dimostrazioni per fare millemila cose con le proprie manine...
... c'è ogni ben di Dio, per fare sberluccicare gli occhi di "noi invasate del craft"...
...e ci sono tanti libri specifici per ogni reparto (ed i reparti sono assai !!!)
Ma soprattutto ci sono mille angoli con suggestioni, ed ispirazioni con quel sapore di casa e di fatto a mano.
All'interno del negozio è prevista una zona (e che zona!) per fare knit/crochet, bevendosi un caffè, fare tanto bla bla bla, e sfogliare riviste in tutta libertà... comme a la maison, appunto :-)
Potevo non volere-fortemente-volere di lavorare in un posto cosììììì ?
E difatti volli fortissimamente volli.
E qui entra in ballo la tenacia di cui accennavo ad inizio post (ma come capperi si fa ad essere sintetici?)
Qualcuno magari ricorderà questo dettaglio di una mia installazione.
Lo vedete quel pink della parete di fondo? E' il colore aziendale di Zodio !
Ora, ditemi se non è mio ? 
Mio, doveva essere mio a tutti i costi. 
Il vostro sostegno mi è arrivato tutto: il vostro affetto, il vostro incoraggiamento, la vostra carica insieme alla mia carica...tutta quella energia positiva, mi sta regalando un sogno.

Zodio, nel corso dei prossimi anni, aprirà tanti punti vendita in tutta Italia (compreso un 2° a Milano)  e, come io sto avendo la mia chanche, anche voi potrete avere la vostra.
Date un'occhiata al sito : registratevi ed inviate il vostro curriculum o semplicemente registratevi e basta per avere delle agevolazioni (per es. inviti alle inaugurazioni, sconti, priorità su alcune promozioni etc.).
Le prime e le ultime 3 immagini di questo post, sono scorci dell'atelier creativo dove ogni giorno io e la bravissima/simpaticissima Ilaria, progettiamo, coloriamo e diamo forma alle idee per l'apertura del 1° punto vendita Zodio Italia.
Lo scrissi qualche mese fa, e lo riscrivo ancora
"Il futuro appartiene a chi crede nella bellezza dei propri sogni".
Io ora sto vivendo il mio sogno, e viverlo sapendo che tante di voi "facevano la hola per me :-))" ... ambè uè, ma cosa voglio di più?
Per cui davvero grazie! Come minimo vi dovevo questo post.
E se poi ci incontreremo da Zodio, sarà fiesta a go-go
(non è un sogno ???)

martedì 23 settembre 2014

Caro blog, ti surgelo un po' (non ti chiudo però...)

Mi sa che per un motivo o per l'altro, dovrò dilatare i tempi di pubblicazione dei post, in questo blog.
E non per la crisi del 7° anno ('sto Decor e blablabla, si avvia a quel traguardo)...
...ma il reale motivo di questo surgelamento, è che parecchio di quello che sto realizzando, non lo posso pubblicare, se non a spizzichi e mozzichi.
Per esempio mi è stato dato il là per mostrarvi questo scaldacollo (progetto in uscita questa settimana con Cucito e Creatività)...
...o questo mostrillo (progetto di settimana prossima, in edicola).
Ma per il resto, riguardo alla mia collaborazione con Fabbri-Hachette, per ora non posso mostrarvi altro.
Qualche post fa, vi accennai alle mie schede creative riguardanti il Pot Decorating (Home Garden per De Agostini)...
Devo realizzare 90 vasi: li ho quasi ultimati...ma non posso mostrarveli ...
Vi potrei mostrare le lasagne alle zucchine e pesto che sto congelando, ma quei colorini morticini non sono uno splendore.
In questo periodo di sfilate appena finite, sono stata anche in diversi show-room per scrivere a mano gli inviti, ma "mi raccomando non si possono fotografare, nè mostrare su Facebook, web e quant'altro".
Signorsì, messaggio ricevuto.
Poi ci sarebbe dell'altro, che ha a che fare con l'installazione qui sotto...
...ma anche in questo caso, niente da fare, non posso dire molto. Magari tra 7 mesi, chissà.
Per cui, o metto in mostra me stessa, mentre ramazzo o inghirlando casa, oppure caro il mio blog, mi tocca surgelarti.
Si, forse ogni tanto riapparirò con qualche selezione da Pinterest, dato che siete in tante a mostrarmi il vostro affetto. Grazie di cuore. (Ma davvero, davvero, non tanto per. Grazie!)
Ed anche a riguardo delle fiere creative (dato che è il periodo), quest'anno non sarò presente a nessuna di esse. Il motivo? Toh, non posso parlare neanche di questo.
Però, però, però, se le cose girano come devono,  le fanciulle creative che non ho potuto abbracciare in fiera, potrò abbracciarle in uno spazio altrettanto creativo. 
E non per 2 giorni l'anno, ma tutti i giorni di tutto l'anno.
Ma anche qui, bocca cucita. Ci sono le premesse, ma nessuna certezza.

Quindi, tirando le somme:
- questo non posso farlo vedere
- quell'altro neppure
- è meglio che non mostri i miei piatti
- elenita che ramazza non regge un blog
- qualcosa bolle in pentola
- se bollirà a dovere sarò felice di abbracciarvi una ad una
- non so quando tornerò tra queste paginette
- ma com'è stato bello stare tutto questo tempo in vostra compagnia
Smuacchi tanti

(io ci sono, e ci sarò...però quando torno, non lo so)
elenita

sabato 30 agosto 2014

Tu chiamale se vuoi...sospensioni.

Pompon, fili, perle e colore.
Ognuno ha un suo pallino.
Non so quale sia il vostro, ma conosco il mio.
Paper bells: tanto semplice, quanto poetico!

A me piace tutto ciò che scende dall'alto. Qualcuno le chiama sospensioni, qualcuno mobiles, altri ghirlande... io le chiamo cascatelle.
Casette realizzate con pagine e copertine di vecchi libri.
Non potevo farmi mancare la cascatela a crochet...
A me le cascatelle fanno allegria. Mi sembra che subito riempiano uno spazio, lo rendano scenografico, ed arricchiscano un contesto.

Rami e ornamenti per un alternativo albero di Natale sospeso.
E avendo oramai archiviato foto, di ogni sorta di cascatella, ve ne propongo qualcuna, casomai vi dovesse essere d'ispirazione.
Nastri, stoffine e bric a brac.
Semplice ma d'effetto, coi pirottini da pasticceria.
Amando tutto ciò che scende dall'alto, insieme alle cascatelle, includo pure la manna dal cielo, la pioggerella di marzo, la neve in montagna (un po' meno in città),  la cascata di dollari dall'elicottero del benefattore, e tutto quel circondario lì...
E' arrivata l'ispirazione? Spero di si. Dimmi che cascatella vuoi, e ti dirò chi sei :-)))

Credits (diamo a Cesare quel che è di Cesare):
Pompon,fili, perle e colore: http://www.pinterest.com/pin/68891069272805409/

Paper bells: http://www.pinterest.com/pin/68891069275845010/ 
Nastri, stoffine e bric a brac: http://www.pinterest.com/pin/68891069269417459/
Pirottini: http://www.pinterest.com/pin/68891069274446847/ 
Casette: http://www.pinterest.com/pin/68891069271647253/ 
Crochet garland: http://www.pinterest.com/pin/37928821835213966/
Rami e ornamenti: http://www.pinterest.com/pin/68891069271479427/