domenica 5 aprile 2009

Danza in punta d'ago.


Ci sono persone che con il piedino della macchina da cucire,fanno delle vere e proprie danze sul tessuto.


Una di queste è Ruthrae che ha creato una linea di poetry dresses: abitini ricamati coi ghirigori creati dai "volteggi" della sua macchina da cucire.
Una poesia per ciascun abito.


E come se non bastassero gli abitini ecco le foderine
pronte ad aggiungere il tocco finale.



Il suo estro poi si materializza anche con la creazione di art-journal.


Questo è fatto dall'insieme di 12 doppie pagine appartenenti a 12 creative diverse (a ciascuna è stato assegnato un mese).
Qui trovate la spiegazione e l'elenco di questa dozzina di talentuose.


E gli charms di questo bracciale sono nati dalla stessa idea: ogni creativa ne ha realizzato uno, e riuniti tutt'insieme eccoli rinascere in un unico monile.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
La condivisione dà sempre delle belle soddisfazioni.

51 commenti:

  1. ;-)sono meravigliosamente incantata ...

    RispondiElimina
  2. E' davvero impressionante cosa riescano a fare con la macchina da cucire...io non riesco nemmeno ad andare diritta :O) tutti i miei lavori sono piuttosto malfermi ...
    grazie delle bellissime foto che hai postato..
    buoni sgoccioli di domenica

    RispondiElimina
  3. Sono senza parole..
    Gli abitini-poesia sono splendidi!
    Da qualche ora sto facendo "prove" di art journaling e queste meraviglie sono di grande ispirazione.. Come le tue del resto!
    Grazie grazie! ^_^

    RispondiElimina
  4. Ma dove le trovi queste meraviglie??? sono a dir poco stupende e di una raffinetezza unica! grazie

    RispondiElimina
  5. Finisco i miei pacchettini magici e poi seguo il link. Sto pensando di farmi un albero genealogico stile art-journal e devo capire come "imbottirlo" un pochino... Ho esaurito la stupidera ed oggi faccio la ragionevole, che fare TVTB??? !!!! Baciottoni tanti, torno al mio ricamo ed alle mie trasmissioni domenicali!

    RispondiElimina
  6. ma uffi!!!!!!
    vado via una decina di giorni e guarda cosa succede su questo blog!non ce la farò mai a recuperare la meraviglia, e soprattutto a leggere tutto sul il/la fimo!
    quando avrò un attimo ci proverò, ora è meglio che vada a riordinare tutto quello che era in valigia e ora sta sul pavimento...
    daria

    RispondiElimina
  7. che dire...se non restare a bocca aperta lasciando fluire l'aria.
    Mi inchino all'uso poetico e meraviglioso che queste creative fanno della macchina per cucire.
    PS:tranquilla...il risparmio è assicurato....non mi perderei l'avventura per niente al mondo...
    ;O)

    RispondiElimina
  8. Mi state facendo venire voglia di rispolverare la macchina da cucire che ho comprato anni fa supertecnologica e non ho mai imparato ad usare distratta da altre cose. Ma credo che le ragnatele l'abbiano inglobata in un bozzolo...

    RispondiElimina
  9. questi balletti col filo sono semplicemente romantici!

    Francesca
    x

    RispondiElimina
  10. Ciao Ele!, allora premetto che al primo posto ci metto i vestitini e le foderine!, mi piacciono un sacco gli charms e anche l'art journal!; hai ragione c'è chi danza con il piedino della macchina da cucire!!.
    Corro a spulciare il sito!!.
    Un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
  11. Riesci a scovare sempre delle meraviglie....!
    ciao
    Cristina

    RispondiElimina
  12. ora sono un po' stanchina, ma mi riprometto di andare a vedere queste meraviglie
    un baciotto
    buonanotte :)

    RispondiElimina
  13. Ma che meraviglia....scrive con la macchina da cucire ma è incredibile!!! Che brava!!!!!!!!!

    Stellina....urge consiglio....secondo te posso realizzare il wedding journal in carta (scrapbooking)?? Poi riuscirei a montarli nella copertina in feltro?? O devo fare per forza tutto in feltro? visto che insomma....non vorrei fare un UGLY journal....non credo sia molto di moda............

    RispondiElimina
  14. Wow, io sono ancora qui che mi chiedo se riuscirò mai a fare una cucitura dritta e c'è chi scrive con la macchina da cucire. Stupendi!!!!

    RispondiElimina
  15. Carinissimi, una svolta per chi non riesce con le cuciture dritte....
    a parte gli scherzi...gli abitini sono di una dolcezza unica, mi piace molto anche l'idea del bracciale e poi....insomma tutto mooolto interessante!!!!
    Grazie come al solito per quello che ci proponi, buon inizio settimana Cinzia.

    RispondiElimina
  16. Fantastico!!!!!Ma quell'accessorio della macchina da cucire che vedo in foto che consente questi magici ricamini,che tu sappia .......si puo' comprare a parte per tutte le macchine?

    RispondiElimina
  17. Bellissime le creazioni di Ruthrae...facendo i miei giretti sul web l'avevo già notata, e come potrebbe essere altrimenti! Ho diverse foto ben conservate in attesa di rivivere in un post dedicato alle creazioni con tessuti e filati. Davvero wow.
    Grazie per aver condiviso con noi l'ennesima meraviglia!
    Mua!
    Sara.

    RispondiElimina
  18. Basita, semplicemente basita...ma quante facce ha l'arte? No, perchè questa è arte! Questa sera mi fermo a comperare una scorta d'aghi per la macchina da cucire, perchè io ne rompo sempre una cifra inenarrabile, ma non posso resistere; devo provare a incanalare la mia voglia di fare in questa direzione.....adoro queste cosine che hai postato. Grazie.
    (in effetti anche in veste Martha sei imperdibile....)
    Tatti

    RispondiElimina
  19. E' da un po'che penso come trasformare la macchina da cucire in macchina da scrivere ...
    ieri sera dopo il dovere (un paio di orli ai pantaloni)ho fatto un tentativo: tolto il piedino, abbassato le griffe che mandano avanti il tessuto mi sono lanciata e ...
    una vera schifezza, evidentemente mi sfugge qualcosa... probabilmente non si può fare senza il piedino apposta "tipo per il quilt", però, se c'è un altro segreto... qualcuno parli!

    RispondiElimina
  20. Sono delle vere e proprie magie...andro' senza dubbio a curiosare...grazie! :)

    RispondiElimina
  21. Anch'io non conosco il nome di quel piedino con buco che vedo sempre più spesso...C'è qualcuna che ci può aiutare?
    Grassie ;-)

    RispondiElimina
  22. Credo si chiami "piedino per freemotion". Di solito tutte le marche di macchine da cucire ce l'hanno o si può ordinare. La mia è una vera ciofeca ma ce l'ha... Baci che son di corsa!!!

    RispondiElimina
  23. Scusi Fata, ma lei è tutta un free...
    hydro-free, freemotion...
    ed io che la credevo una fru-fru!
    Sempre avanti tu!

    RispondiElimina
  24. ...sei tornata tranquillina....
    per modo di dire perchè hai scovato dei lavori non da poco!!!!
    bellissimi....ho perso le parole...
    un bacio
    Milvi

    RispondiElimina
  25. Ciao... mi sono sempre chiesta come facessero a creare queste meraviglie... ma adesso ho la soluzione, il piedino fa tanto ma la fantasia ancor di più. Però io che non sono brava a cucire, con questo piedino anche se le cuciture fossero sbilenche, chi se ne accorgerebbe? Brava Elena baci Rit

    RispondiElimina
  26. c'est merveilleux que dire de plus j'aime tous ce que vous nous présentez !

    RispondiElimina
  27. Che meraviglia i poetry dresses! Grazie per l'ennesimo angolino incantato :) Simo

    RispondiElimina
  28. questa per me è pura magia... nemmeno con l'ago tenuto con le dita riuscirei a rifare un tale spettacolo. grazie per questa bellissima segnalazione

    RispondiElimina
  29. meraviglia!! e complimenti per il blog! stupendo e sei veramente bravissima!
    Silvia

    RispondiElimina
  30. Gli abiti, e relative foderine, sono deliziosi!
    Buon inizio settimana ^_^
    Elly

    RispondiElimina
  31. Ma un filo quante cose può fare!

    RispondiElimina
  32. ..........ciao elena,come al solito mi lasci senza parole........questo post e' fantastico.....ah dimenticavo finalmente sono riuscita ad aggiornare il mio blog,quando hai tempo dacci una sbirciata e se hai qualche consiglio da darmi aspetto te ne saro' grata.......un abbraccio ,NEYRA.........

    RispondiElimina
  33. Ancora un'altra colorata magia estratta dalla tua mitica borsa di Mary Poppins! Grazie Elena! Io sono affascinata senza speranza dagli art journal.... perchè il tuo prossimo libro non lo dedichi proprio a questo tipo di realizzazioni? Sarebbe veramente il primo della storia ...! Pensaci!
    Un bacio

    RispondiElimina
  34. quanet cose carine nel tuo blog... veramente brava e fantasiosa

    RispondiElimina
  35. Io non ho ancora MAI usato la macchina da cucire per creare... ci credi?? Eppure so che, quando avrò provato, non saprò più farne a meno!!!
    FORSE è ora che mi decida... ;)

    RispondiElimina
  36. Il piedino che si vede nella foto e' un piedino speciale che si usa per il ricamo o per il free motion, ha questa forma circolare in modo da permettere la maggiore visibilita' possibile, rendendo cosi' piu' agevoli le "manovre".
    Il free motion e' un tipo di trapunto a macchina che si realizza togliendo il trasporto ottenendo cosi' la possibilita' di far scorrere in tutte le direzioni il tessuto e potendo cosi' realizzare i disegni piu' svariati.
    Qui c'e' un tutorial molto interessante:
    http://teamquiltsy.blogspot.com/2008/03/tutorial-free-motion-quilting-on.html

    RispondiElimina
  37. Urca! Questa è proprio una bella segnalazione! Inutile dire che piu' di tutte mi piace l'idea del coinvolgimento di piu' creative! Mi sembra una cosa bellissima e i braccialettini sono una delizia!
    Davvero...ma dove li scovi? Bellissimo veramente!
    UN beso a te cara! :-)

    RispondiElimina
  38. Cara Elena, vedrai la borsa che ho dedicato a te....heheheheheheheheheh
    mi sa che non la mettero' in vendità....
    Un bacio ;O)

    RispondiElimina
  39. Grazie davvero a Grazia che mi ha illuminato su qs tecnica che sperimenterò al più presto.

    Un grazie a tutte le altre per i vostri(sempre molto graditi) commenti.

    Per Daria: se mi scrivi la tua mail, passo a fare un salutino anche a te...

    Buona giornata a tutte.
    Ps: oggi sono formalissima...
    BBBRRRRRRRR

    RispondiElimina
  40. Cara Elena, dopo tutto ciò che sta succedendo nel nostro paese a seguito del terremoto in Abruzzo è difficile postare con animo leggero, ma la vita prosegue con la sua ineluttabile quotidianità e se in essa c'è uno spiraglio di luce e colore ecco che la speranza, che il domani possa essere migliore di oggi, prende forma. Grazie Elena, perchè il "tuo dono" lo condividi con tutte noi. Un bacio. Monica Fe. monica.chiarion@tiscali.it

    RispondiElimina
  41. Sono senza parole.
    Grazie per le tue sempre sognanti segnalazioni.
    Ciao, Giovanna

    RispondiElimina
  42. Quanto mi piacerebbe pote 'creare bellezza' in questo modo.
    Questa è una delle cose che ti 'invidio', nel senso buono... perchè la bellezza è sempre un regalo di felicità, no?

    RispondiElimina
  43. wowowowowoowwow!!! è sTuPeNdO!!!!!!!! UN BACIO crisssssssss

    RispondiElimina
  44. Che MERAVIGLIA, sono senza parole!

    RispondiElimina
  45. necessita di verificare:)

    RispondiElimina

Siete sempre molto gentili a venirmi a commentare, perché ora io quel tempo per farlo nei vostri blog, non ce l' ho più e me ne dispiaccio. Per cui il sapere che i vostri commenti siano disinteressati, e non mirati ad avere risposte in cambio nel proprio blog, dà ancora più valore al tempo che mi dedicate. Grazie di cuore. elenita