lunedì 6 ottobre 2008

Rispolveri.


Qualche anno fa, ho collaborato con la Fabbri Editori per l'Enciclopedia del decòupage. Mi ero completamente dimenticata di questa scatola che avevo realizzato perché una volta fatta, l'avevo regalata.
Mi è capitata tra le mani oggi uno scatto che avevo fatto a suo tempo ed ho pensato di proporvela.
Si tratta di decòupage reinterpretato.
Il fondo l'ho realizzato strappando a mano della carta color viola molto porosa. Ho poi strappato delle striscioline di carta avorio.
Su quest'ultime, con un colore in tubetto a rilievo ho trascritto una poesia di Gibran che di seguito vi riporto.

Mi dice la mia casa:
“Non abbandonarmi, il tuo passato è qui…”
Mi dice la mia strada:
“Vieni, seguimi, sono il tuo futuro.”
E io dico alla mia casa e alla mia strada:
“Non ho passato, non ho futuro.
Se resto qui, c’è un andare nel mio restare;
Se vado là, c’è un restare nel mio andare.
Solo l’amore e la morte cambiano ogni cosa.”

9 commenti:

  1. Tutto Stupendo!!!la scatola viola (adoro questo colore!)e la frase di Gibran!!!
    A presto.
    Cristina

    RispondiElimina
  2. ora so anche come è fatto. belo veramente io non so fare per nulla il decoupage...
    roberta

    RispondiElimina
  3. trovo il blog molto bello e interessante...grazie di cuore per tutto... grazie per la generosità nel condividerlo con tutte noi appassionate di creatività.
    Silvana

    RispondiElimina
  4. trovo il blog molto bello e interessante...grazie di cuore per tutto... grazie per la generosità nel condividerlo con tutte noi appassionate di creatività.
    Silvana

    RispondiElimina
  5. Mi piace nell'insieme, molto particolare e "caldo"...
    le scritte dano un senso di armonia e movimeno!
    ciaoooo Simo

    RispondiElimina
  6. Carissima, ogni volta che pubblichi qualcosa è una ventata di poesia! Che dolcezza! Non finirò mai di ringraziarti, non esagero: mi aiuti a vivere.
    Giulia

    RispondiElimina
  7. Sai che m'ero persa questo post?!
    Mi piace molto questa scatola, davvero artistica!!! Mi ricorda un po' l'arte anni '50, bellissima!

    Tempo fa mi ero lamentata perchè da noi il découpage, a vedere le fiere qui nella nostra italietta, è sempre uguale a sè stesso: in stile pseudo-country da casale-in-finta-toscana :(
    Meno male che ci sono creative come te che ci ricordano che c'è qualcos'altro (di più bello) in giro ;)
    Grazie!!!

    RispondiElimina
  8. Mi associo al comento di Anna, anch'io in genere non amo molto il decoupage che trovo troppo "ridondante", però ci sono pochissime artiste che riescono a colpirmi ed il tuo lavoro rientra di sicuro in questa categoria, ha un tocco speciale come al solito :)

    RispondiElimina

Siete sempre molto gentili a venirmi a commentare, perché ora io quel tempo per farlo nei vostri blog, non ce l' ho più e me ne dispiaccio. Per cui il sapere che i vostri commenti siano disinteressati, e non mirati ad avere risposte in cambio nel proprio blog, dà ancora più valore al tempo che mi dedicate. Grazie di cuore. elenita