venerdì 18 novembre 2011

°*°Un po' di fantasia, et voilà si vola via°*°

Ne parlavo l'altro giorno con la mia amiconzola: io non so cosa sia il mal d'Africa (non avendo mai avuto il piacere di visitarla), ma so cosa sia il mal di Parigi.
E la mia amica, che nella capitale francese ci ha vissuto e lavorato, ne ha convenuto: il mal parisienne, esiste!

Ladurée a Milano è in via Spadari, ed in c.so Vittorio Emanuele.
Per cui, quando in quel di Milano, sulla strada che stavo percorrendo, mi sono imbattuta nello scintillio di Ladurée, non ho saputo resistere e mi sono comprata i macarons.

La mia pausa relax: piccola coccola per ripartire in quinta!
Ho aspettato di arrivare a casa, pregustandomi l'idea di una bella tazza di the nero .
Esattamente al gusto di mandorle-scorza d'arancia-e-petali-di-rosa = the al panettone...adoro!
I macarons li ho scelti non solo per gusto, ma anche per abbinamento cromatico (ambè, uè!).
Per qualcuno saranno quisquiglie, ma queste piccole coccole, sono per me il rinomato balsamo dell'anima.

Le mie collane lunnnnnnnnnnghe...
Durate la giornata, il mio momento preferito è proprio quello della pausa tra i miei due lavori: quello mattutino caotico e frenetico e quello pomeridiano più preciso ed introspettivo.
Non mi faccio mai mancare una bella tazza di the, che verso in una capiente mug. 
C'è quel piacevole momento, in cui, le mie manine avvolgono la tazzona, in attesa che il the si raffreddi.
Mi piace troppo sentire il calore che si diffonde sulla mug, e che arriva pianin pianello a scaldarmi i palmi delle mani.
Collana verde-turchina: cuore fiorato e tanto filato.
So che da lì a poco, dovrò attaccare con il lavoro, e allora mentre sorseggio il the e mangiucchio dolcetti, penso a come organizzarmi e a cosa dare la priorità.
Me ne sto lì, un po' imbesuita con le mie manine oramai calde, paga di quel momento che cerco di protrarre fino all'ultima goccia di the.
Il mio regalo ad una persona cara e speciale.
Poi, o è il turno di filati e bijoux, o di qualche ghirlanda nascita, o di chicchessia.
Prima o poi, so che tornerà anche il turno di Paris, ed in attesa che  ciò accada nuovamente, tra un sorso di the nero di Natale e un macaron, io con la mente volo spesso tra le viuzze del Marais.
Retro delle due collane lunnnnnnnnnghe.
Ed il bello è, che con la mente, si fanno solo viaggi low-cost. 
Anzi, mi correggo, solo viaggi free.
Si, viaggiare.
"Con un ritmo fluente di vita nel cuore ..."

53 commenti:

  1. Sono la prima? Onore... apro le danze! per i macarons, impazzisco (il colore vince anche perché non li ho mai assaggiati), Parigi è magica... la ricordo dalle superiori e le collane... questa veste ancora più particolareggiata, lavorata, arricchita me le fa amare, invidiare (in senso buono) ed ammirare ancora d +.
    un baciotto caldo al gusto di tè dalla Toscana!
    ceci

    RispondiElimina
  2. assolutamente d'accordo con te...il calore della tazza fumante del the è impagabile!!!
    ... come i colore delle tue "opere"...sempre magiche!
    un abbraccio
    CRI

    RispondiElimina
  3. dopo questa immersione nei colori... sai che cosa faccio? vado a prepararmi una bella tazza di the, da sorseggiare pian piano mentre mi scaldo le manine gelate ;o)

    RispondiElimina
  4. la capacità di condividere e di raccontare non sono doti facili da incontrare, tu le possiedi entrambe. Mi piace quando sulla mia bacheca viene segnalato un tuo nuovo post

    RispondiElimina
  5. I macarons gli ho presi solo per mangiarmi un arcobaleno, ho forse sbagliato? Quella collana lunga, lunga verde-turchina si può mangiare?

    RispondiElimina
  6. Hai ragione!!! Parigi ha quel qualcosa in più che te la fa amare ancora prima di andarci!!!!
    Se poi ci vai diventi inevitabilmente inguaribile!!!!
    Luciana che cerca di convincere il marito di tornarci per la quarta volta!!!
    Le collane sono splendide!!
    Baci

    RispondiElimina
  7. Ma come c'hai ragioneeeeeeeee!!!!!!!!!!!!1
    Ho un ricordo assolutamente magnifico dei giorni passati a Parigi, mangiate di dolci che non ti sto a dire.
    Le collane sono delizioseeeeee,quella con i toni del verde è nelle mie nuancessss.
    I macarons mi piacciono assai....
    con il the non ho questo rapporto di profonda conoscenza (bevo di tutto)...
    però le manine e pure i piedonzoli sono sempre gelati.....
    Sei sempre uno scalino sopra.
    baciotto e buon w.e.
    Ciaooooo

    RispondiElimina
  8. Spumeggiante come sempre!e creazioni irresistibili!fai bene a scaldarle quelle manine!bacio

    RispondiElimina
  9. Sono stata tre volte a Parigi e continuerei a tornarci... confermo, esiste il "mal di Parigi"!!!
    Le tue luuuuuunghe collane sono bellissime ;-)

    RispondiElimina
  10. ahhh Elena... ho preso il volo anch'io!

    RispondiElimina
  11. Dunque! Dove comincio? Ah sì: ciao Elenita. E questo mi pare un buon inizio.
    Allora, i macarones mi fanno pensare ad un bel piatto di pennette fumanti e la mia ingorda forchetta che si avventa sul piatto pronta a infilzarne sei o sette (ma ci staranno tutte?!) mentre i miei occhi e la mia bocca gocciolano lussuriosi e impazienti. Lo ammetto, poco poetico.
    E che dire della tazza fumante di the? Lo adoro ma all'inglese, con l'aggiunta di latte e anche un po' tiepidino: non sopporto il calore sulle mani che invece preferisco belle ghiacciate, perché di mio riesco a sprigionare un notevole calore forse dovuto alla mia prorompente cicciosità... come le foche monache!
    Ho visto Parigi, per ben due volte ma nisba, non c'è stato il colpo di fulmine. Bella è bella, non c'è che dire ma il mio amore vola oltre La Manica, ovvio non della mia camicia! Il fumo di Londra mi piace assai.
    Pareri divergenti! Lo so, sono poco romantica.
    Ma su una cosa posso inequivocabilmente mettere la mano sul fuoco: da dovunque provengano le tue ispirazioni (non so se dai fumi inebrianti del tuo the o dalle paradisiache sensazioni dei macarones) sono sempre un marchio di qualità!!
    E di un'altra cosa sono certa: c'è un filo invisibile che ci unisce... quello delle tue strepitose collane, una viola, l'altra verde, i colori del mio cuore!!
    E per oggi direi che può bastare.
    Alla mia infreddolita Elenita tutto il mio infinito calore (e ti assicuro che ne "fo" tanto!)
    xoxoxo Eu-forica-lalia

    RispondiElimina
  12. Oddio, mamma, non mi ero accorta della lungheeeeeezza. Chiedo perdono a tutte le lettrici per aver rubato così tanto spazio... ma è che sono larga (sì, di taglia comoda) non è colpa mia, mi disegnano così!!
    xoxoxo Eu-semper-lalia

    RispondiElimina
  13. Mi piace molto la zona della Place des Vosges non lontano appunto dal Marais che citavi prima, e quindi conoscerai la Maison du Thé dei Frères Mariage! Ecco allora permettimi di volare con la mente fin là xkè è lì che vorrei invitarti x un thé fumante con barbatrucco di dolcetti a seguito...e CaRRellata di complimenti x le tue nuove collane! Brava come sempre!!

    RispondiElimina
  14. bellissima Parigi, la amo!
    e meravigliose collane** super sfarzose!
    (ps: viva the+macaron**)
    Marty

    RispondiElimina
  15. che bello Elenita mia: le mani che si scaldano, la pausa tè con i macarons (assortiti per colore :)), i ricordi di paris, le tue collane, sì viaggiare... ogni passaggio qui da te è un sorriso grande. un bacio e buon we!

    RispondiElimina
  16. ke belleeeeeeeeee le tue collane! io a parigi non ci sn mai stata mi piacerebbe poterci andare se solo avessi la fortuna di trovare un lavoro e di avere con chi andare ci andrei volentieri :-] http://danielainrosa.wordpress.com

    RispondiElimina
  17. Questa volta il tuo Post mi ha fatto pensare ad una tela,su cui hai dipinto con i colori delle tue creazioni e il tocco vivace delle tue parole:
    bravissima!
    Franca

    RispondiElimina
  18. Ma questi macarons sembrano proprio i tuoi gioielli!!!

    Belli nella versione a treXtre.

    RispondiElimina
  19. ciaooooo elenina :)
    adoroooo i macarons anche se non li ho mai mangiati...ma prima o poi rimediero :P

    RispondiElimina
  20. Che bello..mi hai riportato alla memoria i bellissimi momenti passati all'università. Anche io mi concedevo una pausa thè proprio come te e assaporavo il thè fino all'ultima goccia ascoltando le mie care amiche compagne di studi...grazie!!
    Buonanotte!
    Chiara

    RispondiElimina
  21. Vola, vola, farfallina colorata....

    RispondiElimina
  22. io non sono mai stata a parigi ma vorrei tanto andarci e sogno di partire, viaggiare, andare ;)

    RispondiElimina
  23. Sono stata una sola volta a Parigi, ma me ne sono innamorata. C'è un'atmosfera meravigliosa davvero. Le tue collane sono al solito ineguagliabile. Nonostante sia l'una (le 13 ndr), sono ancora in pigiama per riprendermi dalla giornata stramazzante alla fiera di Bologna. C'era uno stand che vendeva libri "creativi" e c'erano anche i tuoi libri a schede e quelli sul feltro. E proprio in quel momento una ragazza ne aveva preso uno da acquistare.

    RispondiElimina
  24. semplicemente splendide! non saprei quale prendere per quale lasciare...

    come sempre BRAVA!

    barbara f.

    RispondiElimina
  25. Le tue creazioni sono sempre strepitose e piene di vita!!! complimenti e bacioniii!!!!

    RispondiElimina
  26. Strepitose!!! Complimenti!
    Ciao Clod

    RispondiElimina
  27. Fai sempre delle cose pazzesche! :) Simo

    RispondiElimina
  28. Come ogni tuo altro post: MERAVIGLIOSO!!

    RispondiElimina
  29. Uhhhhuuu come ti capisco... io ho perennemente il "mal de France" e quei "macaron" mi hanno stimolato un viaggio nella fantasia che non vorrei finisse mai... ;o)
    Un bacione e buona domenica!
    Elisa

    RispondiElimina
  30. E'bello sognare, fare il pieno di fantasie e poi esprimersi attraverso la creatività! Le tue collane ne sono la prova :)
    Ciao e buona continuazione,
    Goga

    RispondiElimina
  31. Sempre belo e allegro ogni tuo post...
    un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  32. claudia caprara21 novembre 2011 12:53

    sono commossa! (e tu sai perfettamente perchè!)

    e i macaron.....ah....Paris.....
    ci sono stata per la quinta volta in giugno ma .... sarei pronta per tornarci anche subito, anche col grigio, con la pioggia....(la mia prima volta è stata il 31/12/88, e allo scadere della mezzanotte si è illuminata la tour eiffel con la scritta 100ans, che si rifletteva nelle pozzanghere intorno.....magica!)

    supersmack
    ClaudiaC

    RispondiElimina
  33. ti capisco io soffro di mal di New York!
    Splendida come sempre!
    Ciao

    RispondiElimina
  34. le tue creazioni sono sempre stupende! Purtroppo non sono ancora mai stata a Parigi, nè assaggiato i macarons...prima o poi riuscirò a visitarla! Però so benissimo cosa è il mal di Trentino e mi consolo con l'idea di fuggirci appena posso, e dimenticare così tutto il resto!
    Giada B.

    RispondiElimina
  35. Ciao Elena, proprio a Parigi sono stat nel we. bellissima e affascinante come sempre. ma sai cosa mi sono visitata? Le salon di Marie Claire,ti ricordi che ne avevi parlato tempo fa in uno dei tuoi post? ebbene detto fatto sono riuscita ad organizzare con 3 amiche creative e via............
    sembravamo bambine in un negozio di giocattoli.
    I macaron a me non piacciono ma mi piacciono molto da vedere.
    Ciao
    ciao
    Antosb

    RispondiElimina
  36. bellissime queste collane!! complimenti!!! :)

    http://traveloguewithlove.blogspot.com/
    
http://shoppingwithlove-roberta.blogspot.com/

    RispondiElimina
  37. Pure a me i macarons non fanno impazzire... però sono bellissimi da vedere altrochè. Io c'ho la nostalgia di Vienna altrochè...

    RispondiElimina
  38. Bravissima Elena!!!
    Anche il mio viaggio nel leggerti, come sempre è stato free...........ma per un attimo, in questa giornata lavorativa veramente heavy, mi sono sentita "....un ritmo fluente di vita nel cuore"
    sempre capace di magie............bacio........

    RispondiElimina
  39. ah Elena, che meraviglia...le tue collane, i macarons de La Durée, il the e Parigi Parigi Parigi...3 mesi nel 2004, e una promessa di tornarci che non ho ancora mantenuto e che me la fa sentire ancora più desiderata!
    Un bisou,

    giusy

    RispondiElimina
  40. Ecco, lo confesso, non so più cosa dire. Arrivo ultima, si sa, è così che finisce... Allora divago, rincorro il ricordo di un posto che a Parigi ho amato molto, che spero sempre di trovare smontato e rimontato nella mia Torino e che credo ti piacerebbe: http://beegirl.squarespace.com/blog/2011/6/17/pain-depices.html
    A presto Elenita
    Paola

    RispondiElimina
  41. Ma amiconzola, io non vedo l'ora di andarci a curare il nostro mal de Paris tra bistrot e mercerie! Just me and you, non appena sarà possibile. Intanto lustriamoci le pezze ed ammiro le tue aggregazioni tessili che sono come sempre una meraviglia! Certo che preferirei essere li da te a toccarle con mano, magari con una bella tazza di té fumante e, miam, dei macaron che di sicuro costano almeno come il biglietto di andata verso la ville lumière ;-)
    Ma di sicuro fa tanto bene al cuore!!!
    Tu mi fai bene al cuore.
    Grazie per il tuo drin-drin e tanto buon brum brum a te, amiconzola del mio corazòn. A ta vöri bèn assai, tua Fatonzola

    RispondiElimina
  42. le tue collane sono super meravigliose, ma lo sai che non li ho mai assaggiati questi macaron?! devono essere dolci dolci

    RispondiElimina
  43. Ciao, ho scoperto oggi il tuo blog, ti faccio i miei complimenti, fai delle cose veramente belle e originali! Queste collane sono deliziose ;-)))

    RispondiElimina
  44. le mie tazze di tè sono: i tuoi post, le tue foto ed i tuoi lavori.... accendo il pc, mi metto comoda sul tavolo della cucina, mi preparo una tazza di latte e caffè, e mi godo quel momento! Quando le foto si materializzano pian pianino i palmi delle mie mani si scaldano, mentre il cuore e la mente si rigenerano! Passeggio free tra le starde milanesi, e dopo 5 minuti sono seduta accanto a te a rigirar e rigirare le tue collane, a tentare di carpire qualcuno dei tuoi segretucci creativi........... m'accorgo però che non c'è nulla di segreto, è tutto puro talento!!!!!!!!! baci S.

    RispondiElimina
  45. Olá. Parabéns pelo seu blog e pelo seu belo trabalho. Comercialize em nossa loja de artesanatos, todos os seus trabalhos.

    www.artesnatela.com.br

    www.artesnatela.com.br/blog

    Um abraço

    RispondiElimina
  46. Che meraviglia quando gli occhi si posano su qualcosa di diverso, di non inflazionato.
    Queste collane sono una meraviglia. Bravissima!!
    un saluto caro,
    Ros

    RispondiElimina
  47. Concordo in pieno con il mal di Parigi :-)

    RispondiElimina
  48. Parigi, il tè, il calore alle mani, il fantasticare: la sintesi perfetta di un momento di semplice felicità. E a guardare le tue collane provo una totale ammirazione :)

    RispondiElimina
  49. ehehhe mi hai fatta morire dalle risate "I macarons li ho scelti non solo per gusto, ma anche per abbinamento cromatico (ambè, uè!)" ehehehe anch'io sono cosììììì :DDD

    ciao :D

    RispondiElimina
  50. Ma che cosine belle che hai creato! Mettono l'allegria solo a vederle e chissà che effetto fanno ad indossarle!
    Viaggiare con la mente è un vero toccasana, una magia che ti fa stare bene con niente!
    P.s.: dopo il tuo racconto, mi fermerò anch'io in via Spadari! Sono proprio curiosa!
    Buona domenica

    RispondiElimina
  51. Maddai, anch'io avevo scritto un post su Milano/Parigi/Laduree di via Spadari! Era estate e avevo provato il loro gelato col mezzo macaron spiaccicato sopra.
    Nel Marais hai provato Mariage Freres? Se ci vai ti consiglio tra le loro centinaia di tè il Mandalay: l'ho scoperto un po' per caso, ma ne vale veramente la pena!
    Ciao. Silvia

    RispondiElimina
  52. bellissime le collane e di colori stupendi!

    RispondiElimina
  53. Sono una rozza salvia di poggio, ma i miei primi macaroones li ho assaggiati due giorni fa, fatti dalle manine della mia societta apposta appositamente per me, e quindi ineguagliabilmente più buoni di qualsiasi altro di marchio pur famoso e sciccoso.
    ... gentilmente, senza strappi al motore :)

    RispondiElimina

Siete sempre molto gentili a venirmi a commentare, perché ora io quel tempo per farlo nei vostri blog, non ce l' ho più e me ne dispiaccio. Per cui il sapere che i vostri commenti siano disinteressati, e non mirati ad avere risposte in cambio nel proprio blog, dà ancora più valore al tempo che mi dedicate. Grazie di cuore. elenita