martedì 22 marzo 2011

Tra crochet e porta I-pad...

L'uncinetto imparai a farlo, credo intorno ai 7 anni,
in una specie di pseudo istituto di cui conservo un ottimo ricordo.
Non è che poi io sia molto capace...giro intorno ai soliti 2 o 3 punti, che cerco di alternare, ma gira e rigira sono sempre o punto basso o punto alto.


Coi ferri, invece, non sono mai stata brava.
Non ho mai imparato ad usarli come si deve. Carico tutto sul braccio destro.
Muovo solo quello come una forsennata, mentre lascio il braccio sinistro impalato e gnucco come uno stoccafisso.


E vabbè, con gli anni me ne sono fatta una ragione.
Anche perché, per ragioni di praticità, ai ferri ho sempre preferito l'uncinetto.
Sarà che è piccino come me, e poco ingombrante come me.
Mi ci sono subito riconosciuta :-)


Quando avevo 18 anni, conobbi 7 splendide donzelle bresciane.
Con loro ho condiviso
(oltre a grasse risate e splendide vacanze)
una bella fetta della mia adolescenza.
Il sabato prendevo il trenino ciuff ciuff per andare in quel di Brescia...


...e, rientravo a Milano, la domenica sera.
Walkman alle orecchie
(a quel tempo non c'era l'I-pod) e uncinetto alla mano.
Quasi sempre, lo scompartimento era vuoto, ma anche se c'era qualcuno, di crochettare non mi vergognavo proprio.


Tutt'ora lo faccio anche in spiaggia, dove mi stufo assai
a stare sdraiata ed impalata, sotto il solleone.
Coi ferri, al mare, la vedo più dura: con le ascelline che si squagliano, non dev'essere proprio il massimo :-)


Magari la mia, poi, è una recondita invidia per chi invece
a maglia sa lavorare benissimo, e allora m'invento tutti questi simpatici alibi, per digerire meglio il fatto che i ferri si burlino di me.


Ero andata anche ad un corso di maglia: eravamo 4 betoniche,
in piedi attorno un tavolo, con la merciaia che l'unica cosa che chiedeva, era che comprassimo la lana da lei...
Con tutto che ho fatto 3 maglioni ai ferri
(ma che fatica!)
questi ultimi continuano ad essermi ostici. Ora, dopo 20 anni che non li riprendo più in mano, me ne sono fatta una ragione...

Ah, questo che vedete nel post, è un porta I-pad...
mi son lasciata un po' prendere la mano, e ho divagato :-)


Comunque, che sia crochet o tricot, creare è sempre un bel sognare...

61 commenti:

  1. Il mio approociio con l'uncinetto mi fa risalire a quando avevo 5 o 6 anni, quando mia madre mi dava ritagli di filili e mi faceva fare chilometri e chilòometri di catenelle: "per imparare la tensione del filo". Poi cìè stata anche la fase dei ferri, poi quella ddel ricamo, etc. etc. Ma io, pseudo Picasso con i mei periodi, una cosa vorrei veramente capire: come cavolo funzionano 'ste tablet, 'sti cellulari palmari. Io oltre che on off non vado. Il tuo copri-ipad è inutile dirlo, splendido.

    RispondiElimina
  2. io a 6 anni mi sono lanciata nel fantastico mondo dei ferri-al paesello di nonna TUTTE le donnine lavoravano ai ferri per una ditta,quindi sferruzzavano sedute in piazza,col la lana nei mitici fustoni di detersivo!che ricordi!a 7 anni avevo imparato il dritto,il rovescio e avevo compreso che mai sarei andata oltre a quello...2 anni fa l'incontro con l'uncinetto.e sto cominciando a convertire qualche mamma,che ora al parco si allena.più uncinetto,meno sigarette.dierei che è fantastico!

    RispondiElimina
  3. Ciao Elena,
    ho imparato da bambina
    a ricamare, lavorare al crochet( il mio amore) lavorare ai ferri e
    due anni fa, ho fatto pure un corso, ma senza risultati.Forse non c'e compatibilità, tra me e il lavoro ai ferri, così lasciato perdere.
    Il copri I-pad meraviglioso.
    A presto DonatellaM

    RispondiElimina
  4. Che bell'idea, e quanto ti capisco anche io ho imparato a farel'uncin. a 7 anni e sono rimasta là! x i ferri non ho proprio la predisposizione anche se mi piacciono da morire quelli grossi in legno! bravissima come sempre e bacioni!!!

    RispondiElimina
  5. :D :D :D come ti capisco Elenita, io pure coi ferri non ho un gran rapporto, mi fanno venire anche un gran mal di schiena! Con l'uncinetto invece è grande amore!!!
    Porta iPad... meravigliosooooo!
    Baci
    Ila

    RispondiElimina
  6. Inutile che te lo dico, anche questo è stupendo. Con l'uncinetto te la cavi benissimo e per i ferri, beh, pazienza, ... non si puo fare tutto, almeno è quello che mi ripeto sempre io, ... anche perché 24 ore al giorno sono davvero pochissimi!
    Ps: le stoffette che hai usati sono bellissimi come al solito!
    Renata.

    RispondiElimina
  7. Ohilà!!! Elena, va' tranquilla!!!
    Ferri o non ferri, crochet o non crochet (bravissima ad associare i colori...), RIMANI UN'ICONA del Decor e blablabla...(?!?!).
    Of course!
    Ma dai che sei una fatina colorata di ago-filo-bottoni-colori... & company!!!
    Un bacione, cara!!!
    Arianna

    RispondiElimina
  8. Cara Elena sei tu che ci fai sognare! E, detto tra noi, con i ferri come si potrebbero fare i tuoi meravigliosi fiorellini? Naa, lascia pur stare e continua così! Bacione Lulù

    RispondiElimina
  9. Ciao Elena, che bello, mi hai fatto tornare indietro di qualche anno...mi sa che tutte noi attorno ai 7 anni abbiamo iniziato con punti alti,bassi, dritto, rovescio...punto erba, catenella e...il punto palestrina dove lo lasciamo???? Poi ognuno crescendo sceglie quello che più gli piace o gli è più comodo...ma all'occorrenza tutto può saltar fuori la mia mamma mi diceva sempre "impara l'arte e mettila da parte"...
    ciao Grazia

    RispondiElimina
  10. eh si... creare è un bel sognare!! e con i tuoi post si sogna a colori ^_^

    Devo dirti che in effetti l'uncinetto è più "trasportabile" dei ferri, che sembrano un'arma da difesa!! ma grazie ai mitici ferri circolari anche loro sono diventati comodi comodi come l'uncinetto!!
    Io me li porto ovunque, in tram, in coda dal dottore, alle grigliate...

    eh si... creare è sognare!!!
    baciotti eli

    RispondiElimina
  11. Adoro i fiori all'uncinetto!
    La prima cosa che mi insegnarono fu il punto croce a scuola. Mia mamma mi insegnò la maglia e l'uncinetto.
    Non ho più fatto nulla per anni: con la gravidanza ho ricominciato con il punto croce, poi ho ripreso anche con la maglia e l'uncinetto.
    Ho sferruzzato un poncho in spiaggia: che ridere! Mi colava il sudore con questa specie di coperta addosso ma io continuavo imperterrita!
    Invece col cucito nisba: taglio sì ma non cucio...e, confesso, mi faccio aiutare da mia mamma
    Tu comunque anche senza ferri sei un fenomeno!!!

    RispondiElimina
  12. A differenza tua la mia mamma più o meno ad 8/9 anni mi ha insegnato a sferruzzare nonostante sapesse anche usare l'uncinetto!! Io facevo km e km di maglia dritta!!! Ora però seguendoti un po' mi sono innamorata di tutti questi fiorellini colorati e sto cercando di imparare ad usare l'uncinetto!!!
    Per il porta I-pad che dire fantastico come sempre!!!

    RispondiElimina
  13. Ho una mamma super che mi ha insegnato tutto quello che so (uncinetto, lavoro a maglia, ricamo) e se da ragazza ho tricottato spesso i miei maglioni, dopo esser diventata mamma ho appeso al chiodo tutto, tranne il punto croce, ma da diverso tempo ho ripescato i miei arnesi da lavoro...e via! Mi rilassa, uncinettare o sferruzzare, mi piace proprio...e se vorrai qualche lezioncina di ferri in quel di Brescia, la strada già la conosci!
    ciuao
    Giuly

    RispondiElimina
  14. Anch'io uncinetto in treno!!! E i treni che prendo io non è sono vuoto, anzi c'è sempre un sacco di gente! A volte mi sono anche portata i ferri (ma lì è indispensabile avere almeno un posto libero a fianco, per evitare di infilzare qualche povero malcapitato) oppure ago, filo e aida e via a ricamare!!!
    In effetti spesso mi sento un tantino osservata........ :D

    RispondiElimina
  15. Certo si può vivere anche senza saper knittare, e visto che tu il resto lo fai da Dio puoi star serena! Comunque ci sono i ferri corti e i circolari, poco ingombranti e lasciano in pace le ascelle!!!!

    RispondiElimina
  16. ...peccato non sia tecnologica, sono una che cambia il cellulare quando "muore", altrimenti quel porta i-pad sarebbe mio.L'uncinetto è bellissimo, versatile, ci si può fare di tutto ed è facilmente trasportabile.I ferri sono più ingombranti, a meno che uno non faccia calze e guanti(ho fatto un solo guanto, con il gioco di ferri, ho sbagliato clamorosamente misura, era un gesso, ho desistito)e non usi i circolari.I tuoi lavori mettono allegria, che non è poco di questi tempi.Silvia

    RispondiElimina
  17. claudia caprara22 marzo 2011 11:42

    anch'io negata per i ferri (mia sorella invece è una maga!) e appena appena decente all'uncinetto, in più vergognosamente figlia di sarta non so cucire con la macchina (nonostante la fidata Singer a pedali che mi fa l'occhietto ogni volta che la vedo....).....
    trovo sempre la scusa che mi piacciono di più le cuciture rustiche fatte a mano!!!

    bellissimo il porta i-pad, ci vedo bene anche un bel bloc notes per me tecnologo-repellente!!!

    smack
    ClaudiaC

    RispondiElimina
  18. Il porta IPAD non è bello.... è STUPENDO!
    i tuoi colori respirano di primavera.. e ora che è arrivata sono ancora più belli!
    Buon inizio settimana
    e
    a presto cara Elenita!

    RispondiElimina
  19. bello..veramente bello!!! e la tua "descrizione" veramente simpatica!!!!
    buona giornata!!!adry

    RispondiElimina
  20. Sei forte elenita! Oltre a regalarci e condividere i tuoi capolavori (sono una tua groupie lo sai!) ci delizi nel frattempo con storie, annedoti e pensieri :)
    Mia mamma non era una maga dei feri e dell'uncinetto, ma mi ha trasmesso le basi. Coi ferri qualche maglioncino me lo sono pure fatto, ma non amo i progetti troppo lunghi, soprattutto se il lavoro è un po' ripetitivo. Quindi anche io ho rispolverato l'uncinetto piccin piccetto e i ferri mi sa che li lascio a quelle del mestiere ;)
    un bacioneoneone

    RispondiElimina
  21. Che ridere il tuo post! La descrizione di Te mentre lavori a maglia è uno spasso, mi sono rivista in pieno.
    Anch'io preferisco decisamente l'uncinetto, anche se mia mamma preferiva la maglia e quindi mi sottoponeva a ore estenuanti e improduttive.
    Il porta i.pad è favoloso! Adoro questi colori e tutto il resto!
    Ciao!

    RispondiElimina
  22. il crochet l'ho sempre schifato perchè mia mamma crochetta, ma solo centrini con un filo sottiliiiisssimo (e a me non piacciono molto...) poi ho scoperto che con i filati più grossi i punti si vedono bene e si possono fare cose molto carine... ma per ora so fare solo la maglia bassa.
    I ferri me li ha insegnati mia nonna, e mi piacciono tanto tanto ma... a me sudano molto le mani, e con la lana non è proprio il massimo...
    Ergo, mi sono rivolta ai tessuti, e lì mi trovo bene.
    Però mi piace rimirare crochet e knitting e pensare che prima o poi farò qualcosa anche io!

    RispondiElimina
  23. Il porta i-pod è naturalmente bellissimo, ma immaginarti in mezzo alle altre 3 "betoniche" mi ha fatto piangere dal ridere!!!
    bacianna

    RispondiElimina
  24. ops! ho sbagliato la vocale!
    i-pad
    bacianna

    RispondiElimina
  25. A mia mamma e pure alle mie nonne di ferri e uncinetto non è mai fregato nulla.
    Io ho imparato a uncinettare a 10 anni guardando una signora che ancora oggi ricordo con immenso amore.
    I ferri a 15 anni, primo anno di Liceo artistico, ora di religione, un mio amico sta sferruzzzando una sciarpa, io prendo 2 pennelli e da allora è amore.
    Non so tenerli come da manuale, li tengo penzoloni, però so fare dei punti stupendi, mi piacciono i motivi traforati, quelli che ti mandano al manicomio (sono disturbata...lo so benissimo)
    del resto neppure l'uncinetto lo tengo come si dovrebbe, a pensarci bene anche quando cucio....non sono precisina con la postura...e per questo motivo, mia madre ancora mi critica....
    Sora Elenita, leggendo il tuo post sono tornata ai mie inizi con i fili.........mi hai fatto ridere di gusto e mi hai confermato che le mie prime sensazioni sono sempre quelle giuste.
    Sei troppo forte, e sopratutto molto vera!!!!!!!!!
    Ciaoooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  26. Belli i ricordi del passato. Io non so nè fare l'uncinetto, nè tantomeno la maglia. A me hanno insegnato a pasticciare in cucina fin da quando ero microscopica e ancora oggi io vivo in cucino e ogni giorno sforno torte biscotti o focaccie, mi lancio a sperimentare cose che mi mettono soggezione tipo le brioche!!! Ma confido sempre di riuscire. Ora mi compro pure il forno nuovo e se ne vedranno delle belle. Il tuo vestitino per l'I pad è di gran lunga più grazioso di quello della Apple. se avessero un decimo della tua grazia!!! Baci

    RispondiElimina
  27. ferri o non ferri qui c'e' da dire soltanto una cosa....corro a comprarmi un I-pad, dopo aver visto la tua meraviglia non posso aspettare oltre....vadoooooooooo! ;)

    RispondiElimina
  28. Ciao Elena, belli i tuoi ricordi che a quanto pare sono comuni a molte di noi. Io ho iniziato a giocare con i ferri e con l'uncinetto a 6 anni seguendo nonna Alba che instancabile, giorno dopo giorno creava rose, quadri, bordi per il mio corredo... Da quel momento ho iniziato, lasciato, ripreso lavori a maglia che, pensandoci bene, mi hanno accompagnato fino ai miei 45 anni. Ho divagato anch'io... sarà l'età, comunque evviva il crochet, il tricot e l'amour.
    Baci

    RispondiElimina
  29. Come molte ho cominciato con l'uncinetto da bambina, poi sono passata alla maglia, al mezzo punto e al punto croce, cucito.... diciamo che dopo un sacco di anni mi arrangio a fare un po di tutto!!!
    Il porta I-pad che dire.... bello bellissimo come sempre... l'I-pad invece il mio sogno nel cassetto (per il momento cassetto chiuso a chiave... e chiave persa!!!!)
    Baci Roberta

    RispondiElimina
  30. Ma...ma...

    Questo post mi pare d'averlo scritto IO!

    IDEM!!!

    Tranne il magnifico WORK! ;o) NI

    RispondiElimina
  31. Lara di Seurasaari.blogspot.com22 marzo 2011 22:43

    Ma quanto è bello questo blog? Tutti i tuoi colori e le tue creazioni danno molta allegria. Tornerò presto a trovarti.

    RispondiElimina
  32. Carinissimo il tuo racconto!!!
    Le tue creazioni sempre fantastiche!!!
    Io non sono ancora capace di crocchettare.. ma.. sto salvando tutorials.. che prima o poi voglio proprio provarci!!!
    A maglia.. lavoro pochino.. in compenso ho accumulato un'enciclopedia a fascicoli.. che ogni volta che la vedo.. vado a comperare lana di tutti i tipi perché mi vengono mille idee.. e poi.. non ce la faccio mai ad iniziare.. Ormai son senza cura!!!

    RispondiElimina
  33. A nome delle 7 splendide donzelle ringrazio per la menzione ...
    bacio, Mabe

    RispondiElimina
  34. Quant'è bello leggere dei tuoi inizi, i frammenti del tuo passato ci restituiscono una giovane Elena che con il tempo ha trasformato un passatempo di bimba in un'arte meravigliosa; capace di deliziare, ogni volta, i nostri occhi e toccare i nostri cuori....anche in questo lavoro c'è bellezza allo stato puro : COMPLIMENTI, sei bravissimissimissima!! Un bacio Monica
    P.S....Elena, che droga pinnare.....ancora grazie di tutto, ora vado "di là"...ciaoooooo!!

    RispondiElimina
  35. Bellissimo questo porta I-pad e complimenti per tutte le tue creazioni sempre molto colorate e originali!!!
    Anch'io ho iniziato ad 8 anni a lavorare l'uncinetto ed ho imparato a lavorare con i ferri (con una tecnica tutta mia)...sicuramente l'uncinetto è più comodo anche da fare in treno o sotto l'ombrellone!!!
    Saluti, Tiziana!

    RispondiElimina
  36. ah, ma cpme divaghi tu... :)))
    sono morta a leggere del braccio destro forsennato e il sinistro stoccafisso :)
    anche io so solo crochettare. mi insegnò Esperia, la mia bidella alle elementari, un donnino che una folata di vento l'avrebbe sollevata ma con una verve e un'autorità che nemmeno un generale alle grandi manovre. ma vedi che mi fai ricordare...? ;)
    un bacio Elena, passare qui da te è sempre un gran bel momento.

    RispondiElimina
  37. Ciao Elenita,

    che bello quando ti racconti.. è bello sapere che anche te hai l'uncinetto nel cuore, e quegli antipatici dei ferri si burlano anche di te..

    io però non demordo.. ce la devo fare!!!

    Bellissima la tua creazione.. un amore!!!

    RispondiElimina
  38. santa sincerità... che mi ha divertita. mi ricordo anch'io il mio walkman... avevamo meno ma non ci mancava niente! e sono contenta che qualcosa non la sai fare... anche se non ci credo fino in fondo.
    ciao mondo di colori!
    cecilia

    RispondiElimina
  39. Ciao Elena, che bello il tuo porta I-pad, sempre gioiellini dalle tue parti!
    Un abbraccio
    Giulia

    RispondiElimina
  40. io invece all'uncinetto preferisco i ferri, com'è noto ;) e me li porto ovunque, sarà anche grazie alle nuove versioni dei circolari che impediscono di infilzare il braccio di chi ti sta accanto con la punta mentre sei in sala d'attesa dal dentista!
    ad ogni modo, tornando alle foto del post, grazie mille per quest'idea di come "agganciare" l'ipad perché la sfrutterò per fare il mio personalissimo porta e-book ;)

    RispondiElimina
  41. Per me è esattamente il contrario...mi riesce più il lavoro a maglia - che in passato mi ha dato grandi soddisfazioni - e mi risulta più difficle l'uncinetto...
    Ma il tuo splendido lavoro, con quei colori uhmmmm, mi ha fatto venire voglia di riprovare!!!
    ;-) Sono sfacciata se ti chiedo di pubblicare gli schemi dei fiorellini?!?
    Lucia C.

    RispondiElimina
  42. Il tuo blog è stupendo... :)
    io ho iniziato ad uncinettare ad 8 anni... ma, amo tantissimo sferruzzare! I ferri sono la mia passione!
    Complimenti per la creatività e il tanto scrivere che fai qui!
    Adesso, ti aggiungo per poterti seguire! Buona serata

    RispondiElimina
  43. e chi lo sa a quanti anni ho infilato le mie prime catenelle???!!!
    Ho una mamma maga dell'uncinetto ed una zia maga dei ferri... comoda comoda ho quindi solo imaparato un po' dell'uno ed un po' dell'altro, ma senza troppo approfondire... odio contare, vado ad occhio, quindi puoi immaginare magli o troppo lunghe o troppo larghe... fiorellini sbilenchi e senza qualche petalo!!!!!!!
    A dire il vero sono sicura che mi farebbero bene delle sane reipetizioni!!!!!!! a trovarlo un'insegnante di recupero volentoroso, con l'età mamma e zia no hanno piu' voglia di sferruzzare o crocchettare, guardano la tv ed impastano ciambelle!!!!!! per il momento mi accontento delle ciambelle!!!! chi s'accontenta gode...(intanto rimango scarsa d'uncinetto....)
    Ti immagino al mare... devi essere uno spasso!!!

    RispondiElimina
  44. m'è scappato il clik...
    buon fine settimana!
    baciuzz

    RispondiElimina
  45. Io sono negatissima con ferri e ferretti.
    Ma di chi e' questo MERAVIGLIOSO e INVIDIATISSIMO portaipad????
    Ehhheheehheh baciiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
    Niki

    RispondiElimina
  46. Hai ragione Elena, creare è sempre un bel sognare.Che sia uncinetto , ferri, scratch, patchwork... wow, quante cose belle da apprezzare e magari da imparare... Come diceva la mia nonna: Impara l'arte e mettila da parte. :-)

    RispondiElimina
  47. Elena, anche a me hai fatto ricordare il mio passato da maniaca dell'uncinetto imparato da me! Io ero specializzata in centri e centrini piccoli, grandi e medi; poi...come si cambia nella vita! Non sono più la mia passione e non ne farei più!
    Il tuo porta Ipod è fantastico!

    RispondiElimina
  48. Ah, perchè esistono altri punti oltre al punto basso e il punto alto?????

    ^____^

    Delizia per gli occhi, anche questa.
    Besito

    Tatti

    RispondiElimina
  49. anche se l'uncinetto non mi somiglia per niente (sarei più vicina ai ferri fisicamente parlando eh eh eh) anche io lo preferisco!!!!! i ferri mi annoiano da morire... o mi annoiavano, visto che non li prendo in mano credo da 35 anni più o meno!!!!
    Questa tua creazione è meravigliosa, ma non le commento più! Invece mi ero persa i tuoi post su Pinterest... mi dispiace non esserti venuta in aiuto prima!! ero troppo occupata a pinterellare... besitossssssssssssss!!!!!

    RispondiElimina
  50. io preferisco sempre ago e filo (...e feltro!!:D ) però con l'uncinetto qualcosina riesco a combinare..una fatica però uncinettare con la destra quando si è mancina e si è imparato per forza con la destra!!! Con i ferri niente da fare, sono ostici anche per me!!!

    RispondiElimina
  51. Puff..puff...pant..pant..eccomi, ci sono, volevo passare a lasciare un commentino già da giorni ma solo ora ho avuto un attimo... Io provo a fare maglia e uncinetto, ma devo dire che non mi applico molto..non so neanche fare i fiori a crochet..che vergogna!! In compensa mi son messa in casa la macchina da maglierista...giusto così per iniziare una nuova avventura..cheissà dove mi porterà!!
    Baci cara Elena e complimenti come sempre vivissimi per i tuoi stupendi lavori,Kinà

    RispondiElimina
  52. Eh, cara Elena, per me, uncinetto e lavoro a maglia sono un mistero ..... Mi limito ad ammirare le bellisime creazioni delle persone capaci :-)
    Il tuo porta iPad è delizioso!
    Buona domenica,
    Goga

    RispondiElimina
  53. Io sono negatissima :DDD da piccina andavo una volta a settimana a fare lavoretti a punto croce ed uncinetto ma a differenza tua non ho questo bel ricordo...muahahahahah
    complimentissimi per il posta i-pad...delizioso!

    RispondiElimina
  54. Caspiterina... mi stavo perdendo questa meraviglia!!
    L'iPad è già una mia passione, con un vestitino così poi... potrei fare pazzie!!! ;o)))
    E poi... come sempre tante similitudini... walkman... uncinetto... viaggi... piccino e poco ingombrante... mi sono ritrovata in una fetta della mia adolescenza anch'io... Grazie!!
    Baciuz e buona settimana
    Elisa

    RispondiElimina
  55. davvero molto molto carino ed originale, complimenti, sei bravissima!

    RispondiElimina
  56. bellissimo!brava Elena!!!
    p.s.mi hai fatto morir dal ridere con lo stoccafisso!!!
    grazie!

    RispondiElimina
  57. ELENAAAAAAAAAA ma quanto sei brava ?!?!?!? io rimango sempre affascinata dalle tue creazioni... riesci sempre a sfornare cose meravigliose che mi lasciano a bocca aperta davanti al pc .... hai tutta la mia stima e ammirazione sei davvero formidabile!!
    complimenti ancora complimenti sei fantastica ....
    un abbraccio
    giorgia

    RispondiElimina
  58. Grazie per le tante idee che mi dai, per la gioia dei tuoi colori, per la tua simpatia e generosità. Ho le mani che mi prudono, ogni volta che ti leggo...lascio il pc e inizio a "creare". Sei meglio di un caffè doppio!

    RispondiElimina

Siete sempre molto gentili a venirmi a commentare, perché ora io quel tempo per farlo nei vostri blog, non ce l' ho più e me ne dispiaccio. Per cui il sapere che i vostri commenti siano disinteressati, e non mirati ad avere risposte in cambio nel proprio blog, dà ancora più valore al tempo che mi dedicate. Grazie di cuore. elenita