sabato 30 gennaio 2010

Un lancio all'indietro...


Ho lanciato un boomerang tra le pagine dei miei primi mesi di blog, e mi é tornato indietro con le creazioni di questi artisti che vi ripropongo:
il meraviglioso mondo di Silvina Romero di cui parlo qui...


...della bravissima Fadas-Princesas... (ne parlo qui)!


...e ancora, Pirilampo e le sue creazioni (qui il mio post su di lei)


...dello strepitoso ricamo pittorico di Paula Sanz Caballero (qui)...


... delle spille di Anna Laura, in cui parlo qui...


E potevo lasciarmi sfuggire un post su Anna Maria Horner?
Certo che no...eccolo qui!


E poi il post sul feltro di Mogwaii...


...di Sonia e del suo Atelier, in cui racconto qui...


...del crochet di Vera Joao (qui)...


...e ancora gli stravaganti bijoux di Odette (qui)...


Riepilogo: questi sono riferimenti di miei post del passato
che ho scongelato per voi,
se invece volete un link fresco fresco di un utilissimo blog che gira
tutt'intorno a crochet, tricot, tricotin, telaini e telaietti
cliccate
qui.


E' il blog di Maglia libera tutti! di Vio-yersinia.

Guardatevi tutti i post di gennaio,
sono certa che ci sarà quello che farà per voi :-)

Buona lettura (a maglia rasata e punto alto)°*°

domenica 24 gennaio 2010

Gira che ti rigira...


Gira che ti rigira, un cerchio lo piazzo sempre da qualche parte.
Magari ci provo anche a dire: triangolo!...Oppure "oggi quadrato"!
Niente...mi si materializzano solo cerchiolini, tondini,
sferine e sferette :-(


La stessa sorte di "creazione con patologia da cerchio"
è capitata a questo centrotavola,
che qualcuna di voi ha già notato
tra le pagine di Casaviva di questo mese in edicola

(servizio di Marta Meda, styling Monica Cresci, foto Andrea Baguzzi).


Sullo sfondo della foto precedente, questo girocollo in lana cardata che si chiude dal davanti
(il bottone di chiusura è la corolla del fiore stilizzato).


Invece questo cos'è?
E' un dettaglio di ciò che potrei definire
"una piccola spina nel fianco", nel senso che...



...questo cuscino, insieme a quello seguente, erano stati
realizzati anch'essi per il servizio di Casaviva sul feltro.

Naturalmente sempre con tempi stringati ed adattato alle tinte chiare
che il servizio richiedeva (altrimenti io l'avrei fatto rosso,
rosa, arancio, verde mela e turchino!)
.


Ma poi a volte capita che per scelte redazionali o tagli grafici,
degli scatti non vengano pubblicati sul servizio in questione
e prendano altre destinazioni "di cui mi è sconosciuto sapere"

(potenzialmente ora, i suddetti cuscini, potrebbero essere pubblicati in Cina!).


Invece questa non è opera mia (magari!), ma ve la piazzo qui
perchè nel precedente post mi avete coperto di parole carine per l'alcova di mia figlia.

L'altro ieri, mentre aspettavo l'autobus, guardavo questa casina che campeggiava nella vetrina di Imaginarium in saldo. Mi sembrava in perfetta sintonia con la stanzina della mia bimba.
Morale: ho preso l'autobus successivo...perchè mi sono fermata a prendere la casina :-)


E concludendo: perdonatemi se sarò ripetitiva, ma mi scuso
ancora una volta per non essere presente nei blog
di voi tutte che carinamente mi commentate.
E' un periodo pregno-pregno, dove oltre l'ordinario si è aggiunto lo straordinario-straordinario.
Sta per saltarmi l'ultimo fusibile...
anzi: corro subito a saldarlo per benino con una cucitura a zig-zag!!!

Già lo so: mi salterà fuori, a forma di cerchio :-)

sabato 16 gennaio 2010

Oggi (oggi?) do i numeri.


Che cos'è questa? Ora ve lo spiego.
Non so se dove abitate voi ci sia nei paraggi uno Zara-Home-Kids,
o molto più semplicemente lo store di Zara con il reparto bimbi...


...sta di fatto che io, in quello spazio, trovo sempre cosucce
che attirano la mia attenzione.
Per esempio questa scatolina, contenente che?...


...numeri di cartoncino rivestiti di stoffa con appendino.
La prima cosa che ho pensato è stata non li compro-li faccio io,
mentre la seconda è stata e poi che-cosa-me-ne-faccio?


A seguire, la seconda riflessione è stata
ma io non ho voglia di mettermi a fare tutto sto lavorone!
E successivamente
anche se non so cosa ne farò, mi piacciono e li compro per premiare questa idea.


E così è andata.
Era inizio dicembre e ho pensato: potrei usarli per
gli ultimi 10 giorni dell'avvento

(non avevo voglia di rifare i restanti 14)...


...oppure, oppure cosa? Il vuoto totale, nebbia fitta tra i miei neuroni!


Poi mi sono girata, ho dato una scorsa all'alcova bianca nella stanza
della mia bimba...e click!-idea-li-piazzo lì

(anche la copertina a crochet è di Zara-home-kids)!


E questo numero cosa c'entra?
Nulla, ma è il 7, il mio preferito :-)
Perchè io a pari e dispari...sempre dispari!
E a "dimmi un numero?": 7 !

...com'è il titolo di questo post? ...Appunto!

lunedì 11 gennaio 2010

Vestitino per foglietti bianchi°*°


Notes per appunti creativi, quaderni per schizzi ed idee,
taccuini da borsetta...ma quanto mi piacciono !!!



Mi piace averli, e mi piace crearli.
Quello che presento in questo post, me l'ha commissionato
Kloklo.
Aveva visto quello che avevo confezionato°cucito°assemblato
per la Fata (lo potete vedere qui),
e ne ha voluto uno per lei.


Ma siccome come Paganini (e come molte di voi),
non ripeto...


...le ho proposto un altro abitino colorato ed alcune varianti.


Lei mi ha detto "vai" ed io sono andata!
Così ho confezionato°cucito°assemblato...e dopo averlo spedito a lei,
lo servo virtualmente anche a voi.


Fresco di filati e fragranti punti a zig-zag!
Non è da infornare, ma da sfogliare e farcire di scrittine e disegnini.



E se vi sfugge qualche dettaglio, fate click su ogni foto ;-)
Voi fate click, ed io vi mando uno smack (a zig-zag!).
°*°Buoi spunti (e appunti) creativi°*°

lunedì 4 gennaio 2010

Driiiiiinnn! Ben(ri)trovate !


Ri-eccoci qua, che gioia!
Anno nuovo...progetti vecchi. O meglio, non proprio.
Cioè, forse si.
Proverò a spiegarmi (ce la farò?)...


La bellezza di ben diciotto anni fa, feci per me un telefono rivestito con ritagli di riviste (ancora non c'erano le carte a dècoupage).


Qualcuna di voi, l'avrà visto nel mio sito ... e tra queste anche Margherita.
Quando mi ha scritto per commissionarmelo le ho subito detto che non
avrei rifatto quel genere di lavorone°one°one
(dopo 18 anni è ancora vivo il ricordo del tempo che ci ho speso dietro!).


Ecco, appunto...detto e (non) fatto!
Diciotto anni dopo grazie alla verve napoletana di Margherita ho fatto il bis
(ma, adesso, devono passare altri 18 anni prima di rifarne un altro!).


E comunque, siccome siete state in tantissime, a lasciarmi un commento
nel post di fine anno, ecco per voi di seguito, il mio grazie:
lo step-by-step per realizzare da voi il vostro telefono personalizzato!
...vi preannuncio, che sarà un tutorial lunghisssimissimisssimo!
Let's go!

domenica 3 gennaio 2010

Tutorial telefono découpage°*°


Di seguito, lo step-by-step, per rivestire il vostro telefono con ritagli da riviste.
Pronte, prontissime? Via!


Per prima cosa procuratevi un bello sgrassatore e pulite bene eventuali residui di sporco, unto e ditate varie.


Svitate la parte esagonale che blocca la rotella esterna e quella interna.


Cominciate a sfogliare riviste (possibilmente décor, per ricchezza di belle immagini), e selezionate quelle più colorate e ricche di dettagli.


Con la forbicina a lama curva, ritagliate le immagini piccole e curvilinee, mentre con le forbici grandi, ritagliate parti più ampie che vi serviranno per gli sfondi di base.


Con un pennello piatto stendete un po' di colla vinilica sul telefono
(io uso il Vinavil-stella bianca con il tappo azzurro).


Immergete uno dei ritagli più grandi
(di quelli che avrete selezionato per gli sfondi
nell'acqua.


Togliete il ritaglio, ed eleminate l'eccedenza d'acqua tra 2 fogli di carta assorbente.
Bagnare i ritagli è fondamentale per conferire alla carta un effetto elastico che vi permetterà di rivestire anche superfici curvilinee.


Cominciate ad incollare i ritagli più grandi sul telefono, e subito dopo, stendete della colla vinilica sui ritagli stessi.


Dopo aver incollato i ritagli di sfondo, posizionate le immagini più piccole a cavallo dei punti di giuntura delle immagini sottostanti, per uniformare in modo armonioso la composizione.


Decorate anche le due rotelle e la vite esagonale
(ricordate sempre d'inumidire prima i ritagli).


Per ritagliare in modo preciso le parti che devono seguire una curva, procedete così:
premete il ritaglio sulla parte a rilievo, sino a che sarà evidente la piegatura sull'immagine...


...quella curva di piegatura vi servirà come traccia per ritagliare in modo corrispondente l'immagine.


A questo punto non vi resta che incollare il ritaglio nella posizione corrispondente.
E dopo aver spennelato di colla, l'immagine...



...premetela bene al supporto, aiutandovi con un panno inumidito
(io uso il finto daino della Vileda).
Quello di tamponare bene i ritagli dopo averli incollati, è fondamentale per eliminare le bolle d'aria.


Ora non vi resta che pitturare la presa con della tempera acrilica
(stendete almeno 4/5 mani, intervallate l'una all'altra).


E come ultimo tocco, un piccolo ritaglio di richiamo e la vostra firma!
In 16 mosse (e 200 ritagli) avrete cambiato faccia al vostro grigio telefono :-)!



Ed ora pronti per la passerella? Olè, andiamo:
visto dall'alto...



...visto dal dietro (il famoso Lato B!)...


...lato destro...


...e per par-conditio, lato sinistro...


...e ancora, cornetta vista dal di qua...


...e cornetta vista dal di là !
Buon 2010 e buoni ritagli creativi !!!